Mancini soddisfatto: "Vittoria importante"

mancini inter1Dopo la vittoria col Chievo, Roberto Mancini, allenatore dell'Inter, ha parole di elogio per i passi avanti compiuti dalla sua squadra: "E' solo una vittoria, il nostro è un cammino lungo e faticoso dove possono esserci delusioni.

 


Ma se vogliamo cambiare, questa è la strada. Cosa manca a questa squadra? Abbiamo cambiato modulo e non è una cosa semplice, ma dobbiamo avere sempre una mentalità vincente anche rischiando di perdere. Ci vorrà del tempo, non si vogliono vincere tutte le partite ma cercheremo di avere le nostre chance alla fine".

 

"Vittoria importante, ci avviciniamo e la squadra prende confidenza. Nonostante le difficoltà della gara, non abbiam subito gol e abbiamo fatto cose buone. Sono abbastanza soddisfatto".

 

Alla domanda se il sistema di gioco che dà più garanzie è questo, ha risposto: "E' uno dei pochi che possiamo adottare. Possiamo adattare qualcuno, come Dodò nella ripresa, ma una squadra con due ali penso sia più pericolosa e messa meglio sul campo.

 

Ma ora è così, la cosa importante è che i ragazzi migliorino e facciano quello che proviamo ad Appiano. La Lazio come una prova di maturità? Vincere non sarebbe male, soprattutto per il morale. E' anche vero che bisogna migliorare sotto tanti aspetti".

 

L'Inter con la vittoria contro il Chievo entra fra le tante pretendenti al terzo posto, Mancini sembra conscio delle difficoltà di raggiungere l'obiettivo: "Noi siamo lì, dobbiamo cercare di fare del nostro meglio come squadra e vedere dopo.

 

Non siamo lontanissimi, l'altra cosa positiva è che miglioriamo di giorno in giorno. Abbiamo però concesso al Chievo 3-4 contropiedi e questo non deve accadere". L'allenatore è conscio che per centrare la Champions sono necessari dei rinforzi: "Condivido questa visione, purtroppo manchiamo di giocatori specifici come gli esterni d'attacco e non abbiamo alternative per il gioco offensivo.

 

Quelli che ho possono migliorare, ma in certi ruoli siamo scoperti. Credo comunque che la società sia a disposizione, non è semplice trovarli bravi a gennaio ma si sta lavorando". Il mister nerazzurro smentisce anche le voci su un suo possibile ruolo da super-manager in futuro: "Io in campo sto benissimo, sono abbastanza giovane".

 

Chiusura su Balotelli all'Inter: Mancini lo rivorrebbe? "Non so chi ne ha parlato, io ho detto che gli voglio bene, si è comportato sempre bene con me, è un ragazzo d'oro che può fare errori. Ora è a Liverpool e deve sfruttare questa opportunità, non deve andare via così. L'Inter? Difficile dirlo".